Regeneration focus

Impianto post-estrattivo e tecnica di rialzo del seno Smart Lift Technique

3 dicembre 2015


Tag

Implantologia, chirurgia ricostruttiva

Il video illustra, mediante un caso clinico paradigmatico, le fasi operative di una tecnica minimamente invasiva per il rialzo di seno mascellare per via trans-crestale, denominata Smart Lift, che si avvale di uno specifico set di strumenti manuali e rotanti da utilizzare con stop di lunghezza calibrati.
Il piano di trattamento ha previsto l’estrazione degli elementi #2.3 e #2.5 ed il contestuale inserimento di due impianti nei siti #2.3 e #2.4. Nel sito #2.4 vi era una altezza di osso residuo di 6 mm. Si è effettuato, pertanto, un rialzo di seno mascellare con tecnica Smart Lift. Nel video vengono illustrati nel dettaglio gli step procedurali della tecnica. In breve, la lunghezza radiologica (6 mm) è stata confermata mediante gli strumenti Probe Drill e Probe Osteotome. Tutti i successivi strumenti sono stati, pertanto, utilizzati con stop di lunghezza di 6 mm. Una fresa carotatrice, Smart Lift Drill, ha creato una carota ossea fino al pavimento del seno mascellare, che è stata sospinta all’interno del seno grazie al Probe Osteotome. Si è provveduto all’innesto di ulteriore biomateriale all’interno della cavità sinusale.
Terminata la procedura, è stato inserito l’impianto e si sono suturati i lembi.

Lingua:

italiano

Commenti

  1. Paolo ha detto:

    Ho dei grossi dubbi vedendo cose di questo tipo,cioè che il bio-materiale,da come si vede nelle radiografie,non sia esattamente sopra all’impianto ma sia disperso e sia scivolato posteriormente.
    Mi chiedo se in tutti i casi avviene così o c’è variabilità soggettiva?
    A me interessa la cupoletta di bio-materiale sopra all’impianto,non visibile nelle vostre radiografie,per dimostrarmi che l’osso mantiene sollevata la membrana sopra all’impianto senza disperdersi nel seno mascellare.
    Seconda considerazione
    Nell’inserimento chirurgico del bio-materiale,dopo aver perforato il pavimento sinusale,chi mi assicura che il bio-materiale compresso non laceri la mucosa e non si espanda nel seno?
    Il dubbio ulteriore è perché continuare ad inserire bio-materiale se non si ha quella certezza?
    Non è possibile verificare la lacerazione o meno della mucosa con la manovra di Valsalva perché il bio-materiale,in un modo o nell’altro impedisce il controllo stesso.
    Io di solito voglio avere la certezza che la mucosa sinusale sia integra,già scollata e con il volume programmato prima di inserire il bio-materiale.

    Paolo Dellacasa (Genova)

ISCRIVITI ALLA LEZIONE
  • FREE
  • ACCESSO ILLIMITATO