Regeneration focus

Movimenti ortodontici precoci non compromettono la rigenerazione ossea

28 febbraio 2018


Categorie

GBR, Regeneration Blog

Il movimento ortodontico precoce dei denti associato alla chirurgia rigenerativa è un tema controverso. In questo caso clinico di Tsai e colleghi (2017), durante la protrazione del primo premolare destra superiore per sostituire il canino destro mancante, è stata eseguita una procedura di rigenerazione ossea guidata. Sono stati usati Bio-Oss e Bio-Gide per l’aumento laterale della cresta nell’area dell’incisivo laterale destro e per coprire la superfice spoglia sul lato buccale del primo premolare.

Il movimento ortodontico del dente (OTM) è iniziato 2 settimane dopo la chirurgia rigenerativa. Dopo 8 mesi, durante la chirurgia implantare è stata riscontrata neoformazione ossea sulla superfice del primo premolare.
La scansione CBCT a distanza di 1 anno e mezzo dalla chirurgia ha rivelato un buon mantenimento dell’osso rigenerato.

Questo risultato positivo ottenuto nella procedura di OTM precoce, dopo chirurgia rigenerativa, suggerisce che la stimolazione biomeccanica non mette a rischio l’efficacia della rigenerazione.

Tsai HC, Yao CJ, Wong MY. (2017) Early Orthodontic Tooth Movement into Regenerative Bony Defects: A Case Report. Int J Periodontics Restorative Dent. 37(4):581-589.

Commenti in Movimenti ortodontici precoci non compromettono la rigenerazione ossea

Inserisci un commento