Regeneration focus

Aumento verticale

11

Mar'20

Qualità ossea dopo la Fence technique per l’aumento osseo verticale

L'obiettivo dello studio clinico randomizzato di Merli e colleghi (2020) era quello di confrontare, dal punto di vista istologico, l'incremento osseo verticale con innesto costituito da 100% di osso autologo rispetto al mix con 50% di minerale osseo bovino deproteinizzato, utilizzando la Fence Technique nell'inserimento dell’impianto a due fasi.

Leggi Tutto

30

Gen'20

Cresta atrofica ricostruita con innesti a blocco e biomateriali: studio retrospettivo su impianti con follow-up medio di 10 anni

L'obiettivo dello studio retrospettivo di Chiapasco e colleghi (2020) era di riportare i risultati clinici e radiografici di pazienti con creste edentule e atrofiche, trattati mediante innesti ossei mandibolari autologhi e riabilitati con protesi supportate da impianti.

Leggi Tutto

25

Mag'17

Un nuovo approccio per le grandi ricostruzioni: la tecnica Wafer

Lo studio clinico di Merli e collaboratori (2017) presenta una nuova tecnica basata sull’applicazione della rigenerazione ossea guidata e l’utilizzo …

Leggi Tutto

02

Feb'17

Efficacia clinica degli innesti per l’aumento della cresta: una review sistematica

Lo scopo della review sistematica di Troeltzsch e colleghi (2016) era di valutare l’efficacia dei materiali da innesto negli aumenti …

Leggi Tutto

17

Dic'15

Biomateriali e osso autologo per un aumento verticale di successo

La Case series prospettica di Urban e colleghi (2014) ha valutato l’uso di una membrana non riassorbibile rinforzata in titanio (polifluoroetilene ad alta densità) associata ad una miscela di minerale osseo bovino (ABBM) e osso autologo particolato per l’aumento verticale di creste alveolari atrofiche.

Leggi Tutto

17

Set'15

Combinazione di biomateriali e gestione dei tessuti molli per un risultato stabile dell’aumento verticale

La Case Series di Urban e colleghi (2015) descrive un nuovo approccio per la risoluzione di difetti verticali nella mascella anteriore atrofica con l’uso di un mix di osso autologo e osso bovino inorganico.

Leggi Tutto