Regeneration focus

Nella “Strip technique” la gengiva cheratinizzata si rigenera come con l’innesto autologo

13 Dicembre 2018


Le tecniche chirurgiche, prevedibili ed efficaci, che mirano ad aumentare l’ampiezza della gengiva cheratinizzata, a spostare la giunzione mucogengivale e ad aumentare la profondità del vestibolo spesso implicano l’uso di innesti autologhi di tessuto molle. Tuttavia, la disponibilità di tessuto molle autologo è limitata e la sua raccolta è associata alla morbilità del paziente. Con una tecnica che combina innesto autologo in strisce sottili (“strip”) e una matrice eterologa in collagene (XCM), si possono ridurre la richiesta di prelievo autologo e, quindi, la morbilità per il paziente.
Nella valutazione istologica di Urban e colleghi (2019), sono stati analizzati 12 campioni di biopsia da innesto con “strip technique” e sono stati confrontati con 3 campioni di riferimento di innesto autologo palatale.
La morfologia dei tessuti, la cheratina e l’espressione del collagene sono risultate identiche, indicando che la tecnica di innesto combinata con la matrice in collagene eterologo fornisce la gengiva cheratinizzata desiderata e fisiologicamente normale.

Urban I, Nagy K, Werner S, Meyer M. (2019) Evaluation of the Combination of Strip Gingival Grafts and a Xenogeneic Collagen Matrix for the Treatment of Severe Mucogingival Defects: A Human Histologic Study. Int J Periodontics Restorative Dent 39(1):9-14

Commenti in Nella “Strip technique” la gengiva cheratinizzata si rigenera come con l’innesto autologo

  1. Redazione RF ha detto:

    Ci piacerebbe darvi più informazioni! Però dobbiamo rispettare il copyright delle riviste e non possiamo diffondere l’articolo intero 🙁
    La nostra scelta editoriale è quella di fornire la traduzione dell’abstract senza aggiungere interpretazioni o commenti che potrebbero risultare di parte. Per questo, a volte, il testo risulta breve.
    Per qualsiasi domanda specifica sui contenuti dell’articolo è possibile contattarci all’indirizzo email redazione@regenerationfocus.it oppure contattare direttamente il corresponding author all’indirizzo indicato nell’articolo: Dr. Istvan Urban istvan@implant.hu
    Se possiamo fare altro, scriveteci!

  2. Giulio Sbarbaro ha detto:

    Non esagerate con la descrizione e cone le foto…

  3. domenico ha detto:

    wow bel post ma soprattutto l’iconografia fantastica 😂

Inserisci un commento