Regeneration focus

Aumento orizzontale

18

Giu'20

Incremento orizzontale della cresta mascellare in pazienti edentuli attraverso i biomateriali

In questo studio retrospettivo, Arcas-Sanabre e colleghi (2020) hanno voluto analizzare i risultati clinici e radiologici della compensazione dei deficit a lungo termine dei tessuti duri e molli dei pazienti edentuli mediante l'inserimento di impianti dentali e l'esecuzione di un incremento orizzontale della cresta.

Leggi Tutto

12

Nov'18

Tecnica SPAL per l’aumento orizzontale dello spessore dei tessuti peri-implantari

In questo lavoro di Trombelli e colleghi (2018) viene descritta una nuova procedura chirurgica, chiamata Sub-Periosteal Peri-implant Augmented Layer (SPAL), finalizzata all'aumento dei tessuti duri e molli nella porzione più coronale dell’impianto.

Leggi Tutto

02

Feb'17

Efficacia clinica degli innesti per l’aumento della cresta: una review sistematica

Lo scopo della review sistematica di Troeltzsch e colleghi (2016) era di valutare l’efficacia dei materiali da innesto negli aumenti …

Leggi Tutto

25

Ott'16

Membrane riassorbibili ed innesto osseo efficaci nella rigenerazione di difetti orizzontali gravi

Lo studio clinico prospettico di Meloni e colleghi (2016) aveva lo scopo di valutare clinicamente e radiograficamente la rigenerazione ossea di difetti orizzontali gravi.

Leggi Tutto

18

Mar'16

E’ fondamentale stabilizzare l’innesto per non perdere volume

Nello studio di Mir-Mari e colleghi (2016) è stato valutato se diverse combinazioni di innesto osseo e membrana in collagene possono dare risultati diversi in termini di stabilità volumetrica della regione da rigenerare durante la sutura dei lembi mucosali.

Leggi Tutto

03

Mar'16

Tecnica di sutura per la GBR orizzontale che evita l’uso di viti e pin di fissazione

L’articolo di Urban e colleghi (2016) presenta una tecnica di sutura periostea a materassaio verticale con suture riassorbibili per fissare gli innesti e le membrane in siti singoli sottoposti a GBR orizzontale. Questa tecnica evita le potenziali complicanze dell’uso di viti o pin di fissazione, così come la perforazione delle radici durante l’inserimento dei pin ed elimina la necessità di una seconda chirurgia di recupero.

Leggi Tutto